New ahead of Newest. Consumer Electronics before Christmas and the CES

The most dreaded moment in the life of a technology writer? It is toward the end of the year, around the Christmas holidays. The conundrum is: how do you produce a write up for Christmas/end of the year without burning whatever new will come out of CES just a couple of week after? How do you stay cutting edge for the holidays and at the same time leave room in your coverage to surprise your readers with novel products and innovations? As always PepCom and some satellite pre-holidays events provide a good mix of what was just used to be a novelty and some tasteful morsels of what’s to come at the Consumer Electronic Show.

JBL’s Everest Elite 700 and Series

Everest_Elite_700_Black_LifestyleLets start with JBLS’ extraordinary Everest series a line of fivewireless headphones –including the flagship Elite 700–with new active noise cancellation which strives to give music lovers an unparalleled blend of topflight audio technology and ergonomic design. All models within the JBL Everest wireless headphones series–including around-ear, on-ear and in-ear styles–connect wirelessly to any smart device to allow listeners to immerse themselves freely in their favorite song and in a world of hi-fi sounds while moving around without wires Not only that, but the ergonomics–developed through extensive research–were conceived to provide contoured ear cushions and earpiece shapes for all listeners. Crown jewel of the serie is the JBL Everest ELITE 700–which JBLS’ publicity alerts me will not be on sale in Italy (but they don’t know to what extent Italians can go when they have to get their techn iology fix) offers one the most innovative and inclusive set of features currently found into wireless headphones. Bluetooth 4.1 provides listeners the ease of wireless connectivity, while the new NXTGen Active Noise Cancelling Technology pairs the immersive experience of noise-cancelling with the ability to control the amount of outside noise let in, creating each user’s ideal balance of ambient sound and music. The  Pro Audio sound technology’s cushions  provide users with an unmatched fit around the ears. Maximizing the lifespan of the batteries the ELITE 700 wireless headphone’s provides consumers with 15 hours of iuninterrupted playtime, while the headphones’ TruNote technology adjusts the sound based on the fit around the ears, personalizing the user’s experience. The free, downloadable My JBL Headphones App allows users to customize headphone settings and features to their liking. Fro more informationwww.jbl.com/Everest-Headphones.

Canary, too fool any home intruder

Canary 2“Having a home security system with video is essential because it will alert you if there’s an intrusion or problem in your home, and give you detailed information about what’s happening,” says Ira Weiss, a retired New York Police Department detective. “A security system is not only a strong deterrent to thieves, but if you’re unfortunate enough to experience a burglary, it can provide excellent evidence after the fact.” and in terms of system that are unobtrusive, functional, easy to install and to manageCanary’s all in one security system set a new bar. It lets you see and hear what’s happening using wide-angle HD video monitoring, high-quality audio, motion detection, and temperature, humidity, and air quality readings. With Canary, you have all the information you need to choose the right response, whether it’s calling the authorities or sounding the alarm. For more information

The Muse of Meditation to keep you on the Happiness Path

muse - black & white3Ever wondered what happens to your brain while meditating and how thta contributes to you being happier? Studies show meditation can make the brain more resistant to distractions. According to psychologists at Harvard University, people spend 47% of their day thinking about something other than what they’re currently doing. That distraction can have a negative impact on our overall happiness. Muse Take the guess work out of meditation and makes meditation easy. Muse. the brain sensing headband (as the headband maker defines it) It’s easy to use: 3 minutes a day, anywhere, anytime and you are set. Muse is the first tool of its kind that can give you accurate, real-time feedback on what’s happening in your brain while meditating. It has been compared to a personal meditation trainer providing challenges to keep you motivated, and rewards that encourage you to build a regular practice. For more information go to www.choosemuse.com

Roominate, connected toys for kids seeking to play house

Roominate Amusement Park -  OOPRoominate™ is an award-winning and customizable line of wired building systems that inspire open-ended,hands-on play through the use ofcircuits, modular pieces and universal joints. Kids (the maker addresses it to girls but evidently they have missed something of the debate on sex and gender in the US) can build and create their own unique and originalstructures or vehicles that can bejoined together or taken apart and remade into something completely new and different. According to its maker Roominate’smission is to inspire the next generation of kids (and what about the cuurent?) to have fun with STEM subjects: Science, Technology, Engineering, and Math, and to help developspatial and fine motor skills, engage hands-on problem solving skills, boost self-confidence and teach basic circuitry. This year, the Roominate line expands with kits that feature more building pieces, vehicles and new accessories. For more information go to www.rominatetoy.com

Beddit, tracking your sleep patterns with no wearable sensors

Package with iPhone Watch AppAre you familiar with this new trend of keeping a tab on ones’ own sleeping habits? Beddit another solution sensor free. According to the makers-tried personally it works–Beddit makes any bed a smart bed. In syntesi the invention connects an ultra-thin sensor placed under the bed sheet with Android, iOS and Watch OS devices over Bluetooth. There is nothing to wear and nothing to do but go to sleep. Sleep tracking begins automatically at bedtime, tracking heart rate, respiration, movement, snoring and sleep cycles. In the morning a personalized SleepScor–a trademarked binomial invented by the maker of the innivators– indicates overall sleep quality and delivers tailored coaching for better sleep in the future.

At night, Beddit Smart automatically logs and compiles sleep data. To ensure a better start to the day, the smart alarm monitors sleep patterns and awakens the person when they have achieved the optimum duration of sleep and are in a light stage of sleep.

In the morning, an intuitive SleepScore is instantly available on Apple Watch and iPhone or Android device.

During the day, do more with the Beddit app and Apple Watch. Track a nap for a well-timed rejuvenation. Using Apple Watch, set the duration of the nap and choose how to be awakened. Now it’s easy to catch up on any sleep deficiency with a short nap and see the benefit reflected in the SleepScore. For more information: www.beddit.com

BacTrac, for a safe and alcoholic holiday season

Mobile_PDP_BacTrack 04_1024x1024Nothing better than a pocketable breathalyzer during the Christmas holiday, so you can make sure–before the police does–that your blood alcohol levels are within norm. “Our goal is to shed light on alcohol consumption habits so consumers can make smarter decisions when drinking,” said Keith Nothacker, President of BACtrack. Last yearBACtrack’s  published a Consumption Report comprised of the answers of nearly 300, 000 anonymous BAC users. December through March is the peak drinking season in the United States. Nearly 75 percent the respondents during this time of the year had an average BAC above 0.06%, which is higher than any other time of the year. Additionally, the days with the highest average BACs include December 6th and 7th (0.087% and 0.088%); New Year’s Eve (0.094%). The full results, including interactive data, can be viewed here.With holiday festivities, many people celebrate more than usual and those celebrations often include alcohol. The full results, including interactive data, can be viewed here For more information: www.bactrack.com

Ring Video door bell: you’ll never miss another visitor: wanted or unwanted.

RingNever worry about missing a visitor again thanks to the Ring™ Video Doorbell. The device streams live audio and video of a home’s front doorstep directly to a smartphone or tablet, allowing homeowners to stay connected to their homes whether in the kitchen or across town. The Ring Video Doorbell installs in No need to wonder if something is going on outside your home, see for yourself. No need to wonder if something is going on outside your home, see it for yourself. Built-in motion sensors detect activity on your property and trigger instant mobile alerts. Fior more information:

Martians! Not only in the theater but soon on the wrist next to you.

product_alpha_imageMartian Watches, a California-baseddeveloper of award-winning analog smartwatches that sport classic watch designs, bring the best of two very distinct worlds, fashion and technology, and putsthem together in a smart, singular, timepiece.Martian Watches debuts two new models inthe Martian Electra series of smartwatches designed with a feminine touch in mind.Martian Electra is part of the recently announced Martian Active Collection, itsnewest contemporary, classic and retro inspired designs based on award-winning Analog-design, Voice Command and Smart Notifications smartwatches which debuted worldwide at Bloomingdale’s on September 12th. The Active Collection features theMartian Envoy, Martian Aviator, Martian Alphaand Martian Electra series smartwatches.

images (1)

Posted in Glocanomica | Leave a comment

Cosa Non siamo e Cosa Vogliamo Essere: il Mission Statement di Rete Italia Per il CGIE 2015

Rete Italia MondoCosa Non siamo e Cosa Vogliamo Essere

• Non siamo legati a nessun partito politico, ma stiamo dalla parte di tutti
• Non siamo divisi da barricate ideologiche, ma restiamo degli idealisti
• Non siamo attaccati a nessuna poltrona, ma ci assumiamo le nostre responsabilita’
• Non siamo interessati a solo difendere il passato, ma anche a progettare il futuro
• Non siamo difensori degli interessi di pochi, ma promoviamo quelli di tutti

Lista RETE ITALIA: Un Manifesto Aperto
Viviamo in un mondo sempre piu’ interconnesso, dal mondo social a quello finanziario apprendiamo che i confini una volta riconosciuti e scontati non esistono piu’. Twitti da New York e ti leggono a Nuoro , muovi con un click il mouse a Macerata e le tue azioni si alzano sulla borsa di Singapore….
In questo stesso mondo, pero’, esiste ancora una realta’ chiusa quella della politica, spesso divisa per ragione o necessita’ da steccati che ormai non hanno piu’ molto senso.
In questo scenario ci troviamo a dovere rieleggere il CGIE e a dover scegliere il nostro futuro.

La Lista Rete Italia nasce per creare un sistema italia aperto a livello internazionale. Aperto ai contributi degli italiani che si sono trasferiti all’estero, aperto ad una realta’ in cambiamento, all’idea che nulla e’ impossibile se davvero ci credi, in una parola, aperto.

Qualcuno si chiedera’ che significa tutto questo? Significa che non ci sono limiti ideologici o partitici dietro il nostro progetto, non ci sono interessi occulti o alleanza nascoste, insomma non c’e’ quella Italia che per troppo tempo ha fatto della consorteria e della raccomandazione la sua forza maggiore.
Tutti voi potete contribuire alla realizzazione di un sogno, contribuire con idee o collaborazioni atte a definire il cammino di un organismo la cui vitalita’ dipende da chi c’e’ e vuole farne parte, ovvero noi italiani all’estero.

Questo é un manifesto aperto il resto della storia la scriviamo insieme. Le elezioni del CGIE sono a breve e, se ci voti anche tu, contribuirai a disegnare una nuova alba insieme a noi, qualcosa di bello potrebbe nascere per davvero, ma questa, storia e’ ancora tutta da scrivere…

Rete Italia, CGIE 2015

Come e’ nata la lista: e’ nata dal desiderio di voler contribuire con esperienza, professionalità’, creativita’ e innovazione al rilancio delle comunità italiane ovunque si trovino e alla formazione di una rete dell’intelligenza italiana nel mondo che–operando anche con le istituzioni Itliane all’estero–miri a rilanciare il nostro paese e a tracciare un nuovo percorso per lo sviluppo dell’italianita’ a livello globale. ovunque si trovino e alla formazione di una rete dell’intelligenza italiana nel mondo che–operando anche con i COMITES e il CGIE–miri a rilanciare il nostro paese e a tracciare un nuovo percorso per lo sviluippo dell’Italianita’ a livello globale

A chi ci rivolgiamo? A tutti coloro che vogliono collaborare: a quelli che hanno grandi sogni; ai pionieri e agli esploratori. A coloro che nel bicchiere mezzo vuoto ci vedono un’opportunita’ per riempirlo e a quelli che nella crisi intuiscono una possibilita’ di crescita. A quelli che il non si puo’ di primo acchitto gli fa venire la voglia di rimboccarsi le maniche per costruire una percorso possibile. A quelli che nelle differenze vedono una potenzialita’ per l’eccellenza. A quelli che se falliscono continuano a provarci. A coloro che va bene ma si potrebe fare meglio, e sopratutto se lo facciamo assieme. Ai ricercatori scientifici, agli studenti, agli artigiani, agli artisti, agli imprenditori, ai Sig. Rossi, alle donne, alle minoranze etniche, ai navigatori digitali e ai disabili. Ad un italianita’ insomma che esiste gia’, che lavora, che programma, proietta, sogna e che affascina e che sopratutto e’ in movimento. Se pensi che da qualche parte di questa descrizione ci sei pure tu aderisci per favore. E se non ci sei,…. diccelo che ti inseriamo volentieri

Obiettivo 1. Dar voce alle esigenze dei nuovi emigranti italiani nel mondo, favorendo la loro integrazione nel territorio dove vivono e informandoli delle risorse a loro a disposizione.
– Organizzare eventi di welcoming e/o incontro.
– Distribuire materiale informativo.
– Creare risorse in Internet e/o social network.
– Promuovere, favorire e disseminare momenti di Italianita’ attraverso atttraverso corsi di lingua, storici, artistici, scientifici e economici sul nostro paese a livello globale, in collaborazione con gli enti locali e le rappresentanze istituzionali dell’Italia nel mondo. Promuovere, favorire e disseminare elementi di italianita’, attraverso corsi di lingua, storici, artistici, sociologici e ecconomici sul nostro paese a livelo globale in collaborazione con enti gli enti locali e le rappresentaznze istituzionali dell’Italia nel mondo.

Obiettivo 2. Creare un ponte di collegamento tra la nuova e le precedenti generazioni di immigrati, e tra gli immigrati e le comunita’ locali.
– Collaborare con le associazioni già esistenti per conoscere la realtà in cui viviamo.
– Organizzare eventi culturali e di integrazione in collaborazione con enti locali.

Obiettivo 3. Rilanciare il CGIEcome risorsa a disposizione della comunità italiana globale.
– Farsi conoscere, informando le persone sul ruolo del CGIE e delle altre istanze rappresentative dell’Italia all’estero.
– Proporsi come tramite tra la comunità italiana e le istituzioni.
– Creare una presenza online e/o sui social network.

Posted in Glocanomica | Leave a comment

Cibo stampato e carne “coltivata” in laboratorio: ecco cosa mangeremo nel futuro

Immaginare come sfamare così tante persone, nelle condizioni che si prospettano, è probabilmente la sfida maggiore con la quale l’umanità dovrà confrontarsi nel prossimo futuro. E mentre preservare, riusare, riciclare e ridurre i consumi sono misure che possono contribuire a evitare questo scenario apocalittico, in assenza di alternative al corrente modello di sviluppo economico, diventano solo palliativi che dilazionano nel tempo il disastro ecologico-alimentare verso il quale stiamo procedendo a tutta birra.

Questi scenari non preoccupano solo i politici e i pianificatori sociali ma anche i ricercatori, gli scienziati e le aziende che operano nel campo agricolo, alimentare e della nutrizione umana. La necessità di sviluppare un modello alimentare sostenibile a livello globale è stato anche il tema centrale del settantacinquesimo convegno deIl’Institute of Food Technologists – la principale associazione di scienziati, disegnatori e produttori di cibo del mondo – conclusosi in questi giorni a Chicago.

Intitolato Future Food 2050, il convegno ha cercato di prospettare soluzioni che servano a sfamare la crescente popolazione mondiale e allo stesso tempo a ridurre gli sprechi, contribuire a prevenire i conflitti, a preservare l’ambiente, le risorse naturali e salvare molte specie animali dall’estinzione. Non sorprende quindi che personalità come l’ex segretario delle Nazioni Unite Kofi Annan, il genetista e premio Nobel Monkombu Sambasivan Swaminathan (padre della rivoluzione Verde Indiana e teorico dell’ecologia economica), eco-attivisti come Bianca Jagger e visionari come Temple Gardin, siano tra i maggiori sostenitori di Future Food 2050.

I ricercatori riuniti a Chigago hanno discusso di politica alimentare e di come trasformare pratiche industriali che contribuiscono alla creazione di fenomeni perversi come il sovraccarico del sistemi biologici (ovvero l’uso di ritrovati chimici per far crescere gli animali da allevamento in maniera smisurata per scopi puramentre commerciali). Hanno anche ragionato su come convincere i leader mondiali a restituire 150 milioni di ettari di foresta disboscata al loro stato naturale entro il 2020, come proposto dalla Jagger. E ancora, hanno pensato a come promuovere cibi maggiormente nutritivi attraverso quella che Swaminathan definisce biofortificazione delle derrate agricole (l’ibridizzazione naturale dei raccolti per incrementarne il contenuto proteico, vitaminico e minerale). Ma gli esperti hanno anche evidenziato il fatto che la soluzione non può non includere progetti che esulano dal novero di quelli tradizionali.

Si pensi ad esempio a prodotti come MagMeal, della sudafricana AgriProtein, formulato con proteine derivate dalla Black Soldier Fly, una mosca diffusissima in Sud Africa, per il consumo animale. O pietanze di biologia sintetica formulate espressamente su misura biologica del consumatore che possono essere eventualmente faxate a una stampante tridimensionale. Un sistema questo che Jeffrey Blumberg, professore di Scienza della nutrizione alla Tufts University (Massachusetts), definisce Precise Nutrition, ovvero, nutrizione di precisione, dal momento che personalizza la dieta sviluppando nutrienti volti a ottimizzare l’espressione del Dna di coloro che li assumono. Un sistema questo che presenta anche vantaggi dal punto di vista industriale – perché elimina gli sprechi e razionalizza il sistema produttivo – ed ecologico, dal momento che produce un’impronta ambientale inferiore a quella dei sistemi produttivi tradizionali.

Blumberg immagina un futuro nel quale la nutrizione giochi un ruolo ancora più importante nella gestione della salute delle persone. Un futuro nel quale l’analisi periodica del Dna di un individuo serva a produrre una dieta in grado di combattere le possibili patologie – incluso il cancro – alle quali il consumatore è geneticamente predisposto mentre offre fortificazione per le funzioni fisiologiche, cardiovascolari, epatiche e neurologiche.

“La soluzione ai problemi di salute del mondo non sta in farmaci migliori ma in una migliore alimentazione”, dichiara Blumberg, che dirige anche il Centro di ricerca sulla Nutrizione Umana allo Usda, “Nel futuro saremo in grado di dire a un paziente che tipo di frutta, verdura, o grano deve scegliere e con quale frequenza mangiarlo. Oppure, se ha una stampante tridimensionale, in cucina il dottore gli può infornare un pezzo di pane o un biscotto contenente gli ingredienti che lo curano”.

E proprio la stampa 3D sembra destinata a giocare un ruolo di rilevanza nell’alimentazione del futuro. A partire dalla Ibm che ha creato Chef Watson. Si tratta di una app concepita per funzionare proprio con le stampanti 3D una volta appresi i gusti e il profilo medico di una persona. Chef Watson prepara ricette curative che sembrano essere uscite da un libro d’alta cucina. Anche Darpa, la super agenzia statunitense che sviluppa le armi del futuro, ha un debole per la stampa 3D e la Precise Nutrition alle quali intende affidare il benessere delle truppe statunitensi sul campo di battaglia.

“I soldati saranno muniti di sensori biometrici. Inseriti sotto la pelle i sensori spediranno i dati biometrici ottenuti dal soldato sul campo di battaglia alla stampanti che appronteranno così pietanze contenenti la giusta mistura di nutrienti e stimolanti necessari a sostenerlo”, dichiara Mary Scerra, ricercatrice del Food Directorate dell’esercito statunitense e responsabile della ricerca di Darpa. “Collegate in rete con i sensori biometrici, le stampanti produrranno in tempo reale il pasto ideale per ottenere la massima resistenza, chiarezza mentale e risposta immunitaria dai combattenti. La nostra intenzione è quella di armare i nostri soldati con l’alimentazione che gli permetterà di rimettersi rapidamente in caso ferite e resistere più a lungo possibile in situazioni fisiche e mentali estenuanti”.

Anche i maggiori atenei statunitensi, dalla Columbia University ad Harvard, scommettono sulla stampa tridimensionale per il futuro dell’alimentazione. Un gruppo di dottorandi al Mit ha infatti sviluppato il progetto Digital Fabricator, una linea di prototipi di stampanti tridimensionali per uso casalingo. Cornucopia, ad esempio, è una macchina in grado di combinare (e cucinare perfettamente) fino a 12 ingredienti differenti nella stessa pietanza. La linea Digital Fabricator è curata negli Usa e in Brasile dal Marcelo Cohelo Studio.

Ma la novità che ha fatto discutere di più a Chicago è stata quella della carne coltivata. Favoleggiata da genetisti e futuristi della prima ora, la carne coltivata in laboratorio è diventata di recente una realtà grazie a ricerche condotte all’università di Maastricht dal fisiologo olandese Mark Post. Nel 2013 spendendo 300mila dollari Post e il suo gruppo furono in grado di coltivare 80 grammi di carne di manzo in laboratorio.

In una fase di sviluppo più avanzata rispetto al 2013, a Chicago Post ha sottolineato che il valore principale delle fattorie di carne non deve essere misurato dal punto di vista monetario immediato, o per la loro capacità di produrre profitti, ma soprattutto per la loro capacità di ridurre l’insicurezza alimentare a livello globale e preservare l’ambiente usando meno acqua e terra del modello animale tradizionale.

Studi comparativi condotti da Post, e da altre istituzioni universitarie, hanno infatti dimostrato che una tonnellata di carne coltivata richiede 376 volte meno ettari di terra di quanti ce ne vogliono per pascolare una tonnellata di carne tradizionale e consuma solo il 10 per cento d’acqua di quanta ne consumano gli animali. Un dato che fa riflettere ulteriormente è poi quello relativo all’inquinamento atmosferico. Al confronto con una tonnellata di carne animale, la produzione di una tonnellata di carne di laboratorio riduce le emissioni di anidride carbonica in un percentuale che varia dall’80 al 95 per cento.

“E i benefici non sono solo di carattere ambientale”, dichiara Post, “ma anche di salute pubblica. È risaputo che la carne tradizionale contribuisce all’aumento del colesterolo e incrementa il rischio di cancro. La carne di laboratorio al contrario può essere disegnata con un contenuto di omega 3 e omega 6 tale da produrre un abbassamento del colesterolo e promuovere la salute cardiovascolare. Per non parlare poi della riduzione delle epidemie da avvelenamento da cibo”.

E sebbene le fabbriche che producono carne coltivata siano ancora una trovata avveniristica (a New York la Modern Meadow dovrebbe mettere in commercio patatine di carne coltivata nei prossimi mesi), un futuro di rigori ambientali meno drastici, soprattutto per quanto riguarda il consumo d’acqua, fa gola agli statunitensi che, dalla California alla East Coast, stanno facendo i conti con siccità pluriennali e alluvioni bibliche.

Posted in Analisi, Events, Glocanomica, Industry, Innovazione, Tecnologia | Leave a comment

2050 Odissea Cibo Futuro

 

Immagini dall’IFT 2015 di Chicago, il convegno piu’ atteso dai disegnatori di cibo del pianeta, dove si e’ discusso di come sfamare il 12 miliardi di persone prossime venture

Posted in Fotogalleria, Glocanomica | Leave a comment

Silicon Valley non e’ terra per Millennials

Misson takes city Hall

The Mission Takes City Hall www.facebook.com/chris.carlsson1

 

 

di Paolo Pontoniere

Che per risolvere il problema della disoccupazione giovanile si debba ricorrere al modello Silicon Valley e alle startup?
La soluzione proposta dai maitre à penser californiani, e che molti paesi stanno adottando, prevede che i  giovani in uscita dall’università piuttosto che mirare al posto stabile, come accadeva nel passato, il lavoro se lo debbano creare da soli lanciando una startup.

E così non solo da tutto il mondo giovani armati con poco più di uno smart phone e un’idea si stanno riversando su  Silicon Valley alla ricerca dell’eldorado di cui scrivono i media planetari, ma i loro stessi governi si stanno affrettando ad aprire uffici nella famosa valle, l’ultima è stata per esempio l’Unione Europea che a Novembre ha lanciato la European Chamber of Commerce. Un pò per riacchiappare i cervelli scappati in California ma anche per fare il reverse engineering della soluzione statunitense e impiantarla in patria.

Ma come tutti i fenomeni economici anche quello dello startuppismo ha un rovescio della medaglia, e sebbene i pregi di Silicon Valley siano sbandierati costantemente, i suoi difetti sono molto spesso oggetto di un silenzio assordante.

Primo fra tutti il fatto che a 3 anni dal lancio– cifre dello Startup Genome Report, uno studio congiunto della Berkeley e della Stanford University–il 92 per cento delle startup sono già fallite, il 25% addirittura nel primo anno.

Secondo che molti degli startupper finiranno col lavorare per quello che nella Valley si definisce “Ramen money”. Ovvero uno stipendio che una volta pagate le spese di sussistenza avanza solo gli spiccioli per comprare un pacchetto di Ramen–spaghetti di riso tradizionali della cucina giapponese. Ed infatti una ricerca di Compass rivela che il 73% dei fondatori di una startup di successo guadagna meno di 50 mila dollari l’anno, una cifra che vista dall’Europa può sembrare siginificativa, ma che una volta applicati al costo della vita nella Bay Area di San Francisco costringono lo startupper ad una vita molto grama. A San Francisco, per l’appunto, l’affitto di un monocamera raggiunge i 3500 dollari mensili.
Dati molto preoccupanti arrivano anche dell’emittente televisiva CNN. Secondo la rete statunitesne, Silicon Valley sta distruggendo il futuro dei giovani americani costringendoli a fare lavori grami e poco qualificati.  Le cifre sono devastanti: Il 44 dei laureati è impantanato in lavori di poco conto come fare l’autista per Uber o l’operatore di droni e di carrelli elevatori ad Amazon. Solo il 36 per cento guadagna più di 46 mila dollari l’anno, mentre il 20 per cento ne guadagna meno di 20 mila mentre l’imprenditorialismo under 30 è ai minimi venticinquennali.

Misson Takes City Hall 2

The Mission Takes City Hall www.facebook.com/chris.carlsson1

E questo conduce al terzo problema. Quello delle ineguaglianze create da un’economia superspeculativa in una regione che vive una nuova corsa all’oro, questa volta di carattere digitale.

Gli affitti impossibili, il costo stratosferico delle case, gli sfratti di massa e un traffico mostruoso, sono solo gli squilibri più evidenti di un sistema produttivo che ha generato una super-elite che per funzionare ha bisogno dei servigi di schiere di lavoratori a salario minimo. A contribuire poi alla creazione di forti tensioni sociali, manifestatasi con proteste popolari contro le startup, si aggiungono poi la penuria dolorosa di cibo a buon mercato, il costo esorbitante dei trasporti pubblici e una marcata divaricazione tra quelli che guadagnano tanto (come gli ingegneri e i ricercatori delle varie Google, Facebbok, Twitter, Yahoo e AirbnB) e quelli (come i Mechanical Turk di Amazon e gli autisti di Uber) che invece devono sopravvivere della shared economy. Robert Reich, docente a Berkeley e ex ministro del lavoro nell’amministrazione Clinton, definisce questo nuovo arragiamento scrap economy (l’economia della rottamazione), una economia nella quale i lavoratori non solo devono fornire gli strumenti che useranno nel loro lavoro—e pagarne le spese—ma dove prima erano remunerati profumatamente adesso ricevono solo pochi centesimi.

“Questo nuovo tipo di arrangiamento lavorativo trasferisce tutti i rischi e le incertezze sul lavoratore”, dice Reich, “è un modo per aggirare le leggi che regolano la paga minima oraria, le ore di lavoro e le condizioni di lavoro”.

E così i millennials che si stanno laureando oggi finiranno col fare una vita peggiore—la prima generazione nella storia del paese—di quella dei loro genitori.

La prova? Mentre Google, Apple, Facebook e gli altri big della Valley costruiscono campus miliardari, i garage dai quali una volta emergevano le startup adesso ospitano famiglie che non si possono permettere di affittare una casa che sia degna di tale nome. E non basta, ma dati resi noti di recente da Joint Venture Silicon Valley—una think-tank locale–rilevano che nella Valley un bambino su tre vive al di sotto della soglia di povertà, che il 30 per cento della popolazione vive al di sotto del livello di sussistenza e che centinaia di famiglie campano con meno di due dollari al giorno.
E così l’utopia degli startupper di Silicon Valley si sta trasformando nella distopia dei giovani statunitensi.

Posted in Glocanomica | Leave a comment