Glocanomica. All’intersezione tra economia, finanza e tecnologia, con un pizzico di innovazione

Paolo Pontoniere

Paolo Pontoniere

Vista dalla Silicon Valley l’economia sembra un incrocio. Un crocevia dove il consumismo occidentale si amalgama con l’operosità orientale e dove l’industriosità dei migranti meridionali trova sfocio nel produttivismo dei servizi settentrionali. E’ luogo dove si intersecano fenomeni diversissimi e a volte contrastanti. Il progresso tecnologico con l’utopia, l’innovazione con l’avventurismo finanziario, la ricerca accademica con il capitalismo di ventura e la creatività artistica con l’etica del lavoro . Un topos nel quale convergono, si connettono e si contraddicono fattori globali, locali e strutturali. Qui il ricercatore impara a farsi imprenditore e l’imprenditore finisce sui banchi di scuola. Le minoranze si fanno maggioranza, anche nei consigli di amministrazione, sulla forza di un’idea e la maggioranza finisce col fare propri—col respirare–concetti di frontiera. Qui l’economia non è un fenomeno lineare. E’ una realtà tridimensionale piuttosto che un mondo unidimensionale fatto di dati produtivi e bilanci di gestione. E` una Glocanomica.
Ha implicazioni locali con diramazioni globali e viceversa. Quello che nasce al suo interno finisce con l’avere un impatto sul resto del mondo e allo stesso tempo non potrebbe nascere se il resto del mondo non esercitasse un impatto sulle sue dinamiche quotidiane locali. E’ un’economia che dipende fortemente dall’innovazione tecnologica e dalla ricerca scientifica ma anche da una disponibilità a rischiare del suo elemento umano.
La Glocanomica, non è una nuova branca dell’economia—non ancora almeno–e non è nemmeno un luogo reale. E’ uno spazio virtuale—di sicuro nel caso di questo blog. Una allocuzione geometrica nella quale idée, soldi, mezzi scientifici e reti commerciali interagiscono producendo esperienze che finiscono immancabilmente col riverberarsi come un eco sul resto dell’umanità. E quindi sì, parleremo di cedolarizzazzione e finanziarizzazione. Di shorting e naked shorting. Di subprime e di hedge funds. Di fondi sovrani e vulture investors. Di hedging e di futures, ma anche del valore di un buon brano di narrativa. Dell’utilità del paternalismo progressista . Di naturalismo economico . Di organizzazioni non profit come Kiva.org e di aziende come Elance e LinkedIn.com. Di network sociali e di società che hanno scoperto la frontiera del networking. Mantenendoci sempre attenti e aperti ai contributi, alle critiche, agli apprezzamenti e anche ai deprezzamenti. E chissà forse un giorno finiremo anche col chiederci quali sono le implicazioni glocanomiche delle nostre scelte.

About Paolo

Journalist, business writer, foreign correspondent and contributor to major Italian and American media
This entry was posted in Glocanomica, Innovazione, Silicon Valley. Bookmark the permalink.

3 Responses to Glocanomica. All’intersezione tra economia, finanza e tecnologia, con un pizzico di innovazione

  1. What’s up, its good article concerning media print, we all know
    media is a enormous source of facts.

  2. Aw, this was an exceptionally good post. Spending some time
    and actual effort to generate a superb article… but
    what can I say… I put things off a lot and
    don’t seem to get nearly anything done.

  3. Hi superb website! Does running a blog similar to this take a large amount of work?
    I have absolutely no expertise in computer programming but I
    was hoping to start my own blog soon. Anyhow, should you have any recommendations or
    techniques for new blog owners please share. I understand this is off subject nevertheless I just needed
    to ask. Many thanks!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *